Biblioteca elettronica gratuita

La Germania e la crisi europea - Massimo D'Angelillo

La Germania e la crisi europea Potete scaricare il libro in formato pdf epub previa registrazione gratuita

PREZZO: GRATIS
FORMATO: PDF EPUB MOBI DOC
DATA: 20/01/2016
DIMENSIONE: 10,49
ISBN: 9788869480232
LINGUAGGIO: ITALIANO
AUTORE: Massimo D'Angelillo

Descrizione:

L'Europa è un continente incagliato e in declino, colpito da una crisi iniziata nel 2008 e non ancora terminata, con sempre minor peso economico e influenza internazionale rispetto ad altre aree del mondo (non solo la Cina). La situazione attuale è frutto di politiche economiche che, ossessionate dalla stabilità, hanno fissato vincoli insostenibili, da Maastricht in poi. L'Italia è il paese che con più zelo ha fatto propri questi vincoli, tanto da avere inserito nella Costituzione un principio come il pareggio di bilancio. A cosa si deve tutto questo? All'introduzione dell'Euro? No, o comunque solo in parte. Il fattore chiave è il ruolo della Germania. Il paese economicamente più forte esercita infatti la sua leadership dividendo, anziché unendo (come il caso greco ha dimostrato), rafforzando esclusivamente il proprio sistema produttivo e lavorando per creare attorno a sé una corona di paesi periferici (tra cui l'Italia) a basso salario e fortemente indebitati. Il frequente richiamo del ministro Schauble a un'Europa che dovrebbe ispirarsi al "Sacro Romano Impero della Nazione Germanica" è eloquente. Da locomotiva d'Europa, la Germania di Merkel-Schauble si sta trasformando in un fattore di freno per il continente. Come il libro evidenzia, la Germania di oggi utilizza la grande forza costruita nei periodi precedenti per imporre scelte miopi e fallimentari, che distruggono la solidarietà tra i paesi, riducono la democrazia e finiranno per indebolire la stessa Germania.

...stra cassa depositi e prestiti. Estero Germania e Francia propongono un piano da 500 miliardi per rilanciare l'Europa ... La Germania nella crisi dell'Europa - Sbilanciamoci - L ... ... . La cancelliera: "È il bilancio dell'Unione la risposta giusta alla crisi, rafforzare la coesione europea". Una diatriba che riduce la domanda e quindi l'export globale dei paesi europei. In particolar modo la Germania deve fare anche i conti con la crisi dell'auto diesel. Altra questione delicata riguardante il futuro economico dell'Eurozona è la Brexit. La Germania, con il passare del tempo, continua a non mostrare grandi segni di consapevolezza della potenzialità d ... Ecco perché sono Francia e Italia e non la Germania a ... ... . La Germania, con il passare del tempo, continua a non mostrare grandi segni di consapevolezza della potenzialità della crisi che l'Europa attraversa ed anzi sembra irrigidirsi nelle sue idee. Del resto le attuali politiche europee e il livello di cambio dell'euro vanno molto bene al paese teutonico, anche se certamente non a molti altri. economia europea. Crescita, la Francia sorpassa la Germania e resiste alle crisi La Francia "sorpassa" la Germania. Nel senso che corre più velocemente. La Germania è troppo debole per esercitare una leadership in Europa, ma abbastanza grande per turbarne l'equilibrio. La crisi dell'euro richiede a Berlino e ai paesi del Sud sacrifici che nessuno vuole sostenere. Meglio finirla qui? Germania, manifattura a picco: e la crisi tedesca spinge a fondo l'economia europea In Germania, finora considerata locomotiva economica dell'Europa, è stato registrato un netto calo nell ... "La crisi della Germania lascia l'Europa senza guida" Come nota il New York Times, le dimissioni Annegret Kramp-Karrenbauer "non faranno altro che intensificare le domande su dove sta andando la Germania".L'incertezza su chi succederà ad Angela Merkel, osserva il Nyt, estenderà "il senso di paralisi che sta frustrando gli alleati della Germania nell'Unione Europea e ... Oggi in Europa l'epicentro della crisi è la Germania, la nazione che finora è stata il perno dell'Unione. La crisi tedesca è in primo luogo economica, ma quando si sfalda il punto di forza che finora ha consentito a Berlino di guidare il continente i riflessi politici sono immediati: la crisi è quindi duplice e investe l'intera strategia-Paese. La Germania e la crisi dell'eurozona Ah, gli studenti... Che creature meravigliose! Dopo tanti anni non cessano di sorprendermi. ... In Europa ci sono due grandi creditori: la Germania e l'Olanda (l'unica che storicamente ha "tenuto botta" rispetto alle deflazioni competitive tedesche). Bce e Germania: perché tocca all'Italia difendere l'Europa. ... la capacità della Banca centrale europea di agire nella crisi come quelle delle altre superpotenze economiche, ... Quella tra Francia e Germania è stata sempre un'alleanza ambigua. La firma del Trattato di Aquisgrana nel 2019 sembrava inaugurare un'era di codominio tra Angela Merkel e Emmanuel Macron, ma i crescenti timori transalpini di finire ridotti a junior partner nella coalizione centrale dell'Europa hanno progressivamente ridotto le aspirazioni di un codominio duro e puro. La Germania di fronte alla crisi del Covid 19 somiglia, come tanti altri Paesi, a un Giano bifronte. Se un volto guarda con preoccupazione alla questione sanitaria che sta stressando le pur efficaci strutture mediche ed ospedaliere, l'altro osserva con altrettanta preoccupazione la situazione economica. La Germania ha abbandonato la politica di "deficit zero" che - tra numerose critiche internazionali - aveva seguito per gran parte della grande crisi e degli anni successivi. È per bocca di Angela Merkel che veniamo a sapere no, la soluzione alla crisi italiana dettata dal coronavirus non saranno gli eurobond. Secondo la cancelliera tedesca, infatti, esistono degli strumenti maggiormente idonei per sostenere la nostra economia. Ed è così che la Germania svela quelli sono le "altre soluzioni" - aggiungo uniche, a questo punto, oltre ad essere già tristemente ... Cuore tedesco. Il modello Germania, l'Italia e la crisi europea è un libro di Angelo Bolaffi pubblicato da Donzelli nella collana Saggine: acquista su IBS a 18.05€! Germania e Francia sostengono un fondo per la ripresa dell'Unione europea da 500 miliardi nel quadro del prossimo bilancio pluriennale Ue. Per finanziarlo, la Commissione europea potrà ......